…di Montegemoli, del suo incanto …e del suo incantevole pane…

Abito in Toscana, sono toscana fino al midollo e orgogliosa di esserlo…ma non conoscevo fino ad oggi questo borgo….certo, acquistavo il pane di Montegemoli perchè è unico, versatile, stupendo, ma fino ad oggi non ero mai andata a trovarlo.
Si è presentata questa occasione nel giorno della festa del pane di Montegemoli di un paio di anni fa e devo essere sincera, sono stata completamente catturata da questo paese e i suoi dintorni, forse sono stata fortunata, era una giornata di sole e vento, un vento speciale che vien su dal mare…che fa muovere l’erba facendola sembrare onde del mare…forse sono stata fortunata…la festa si è svolta non dove doveva (un edificio che ha subito un danno strutturale) ma all’incrocio del vento con il sole con la terra….con antichi forni, con sapienti fornai….con profumi e sapori originari..con…persone che ti salutano e si mettono a parlare come se le conoscessi da sempre….con un Ben di Dio…a cui si può solo dire GRAZIE!
Uno di quei luogo che ti fanno pensare con una vena di follia..mollo tutto e vengo a vivere qua! Chiedo asilo politico, anzi no, asilo umano, anzi no, asilo simpatico, anzi no…li chiedo tutti e tutti insieme, ma fatemi stare qua…PRENDETEMI IN OSTAGGIO!!!!!!!!!!!!!!
Non sono sicura ma credo che il numero degli abitanti sia 39…che pace!
Tanto per rendere l’idea nella foto sotto il paesaggio che al mattino i  fortunati abitanti di Montegemoli trovano aprendo le finestre:
Senza-titoloo-1

Continua a leggere “…di Montegemoli, del suo incanto …e del suo incantevole pane…”

Castelfalfi, borgo deliziosamente fantasma

Sicuramente questo borgo si popolerà durante la bella stagione avendo al suo attivo una gestione lanciatissima riguardante alloggi, piscine, campi da golf e via dicendo, quindi a me piace visitarlo adesso, quando praticamente non c’è nessuno, ma nessuno veramente.

Domenica scorsa era una bellissima giornata di sole che anticipava la primavera (non come oggi che fa freddo ed il tempo è grigio) e una fermata a Castelfalfi (che dista circa 20 minuti da casa mia) è stata..rigenerante.

Una volta parcheggiata la macchina fuori dal borgo ci siamo inoltrati percorrendo la stradina che porta al centro e non abbiamo incontrato assolutamente nessuno, la strada era deserta, come ben si vede dalle foto

Continua a leggere “Castelfalfi, borgo deliziosamente fantasma”

Vico Pancellorum, il paese misterioso

Questo paese sorge lungo il fiume Lima, a 650 metri di altezza, ai bordi dell’oasi di protezione faunistica Balzo Nero, offre un panorama mozzafiato su boschi e valli

Il nome stesso – Vico Pancellorum – suscita curiosità ed ha impegnato non pochi studiosi di ogni epoca nel tentativo – per ora infrottuoso – di determinare la corretta etimologia. Un’ipotesi potrebbe essere che quel “pancellorum” si riferisca al nome di una famiglia che qui avrebbe avuto la signoria, ma non si esclude che possa significare “cibo degli angeli”.Poi c’è la chiesa dedicata a San Paolo Apostolo. Un imponente edificio a pianta basilicale del quale si ha una prima notizia nell’anno 873 e sulla cui facciata esterna sono inserite, in bassorilievo, alcune figure simboliche sul cui significato ancora ci si arrovella. Il portale è sormontato da un architrave in pietra scandita da 5 immagini che, almeno apparentemente, non hanno alcun nesso l’una con l’altra.
La prima a sinistra rappresenta il Cristo crocifisso, la seconda è un albero con rami e foglie molto elaborati, la terza rappresenta un uomo con una spada in mano, poi è incisa una scacchiera i cui tasselli bianchi e neri sono determinati dalla maggiore o minore profondità di incisione, infine vi è l’immagine della Madonna con in braccio il Bambino. Quattro figure sono tuttora perfettamente visibili, mentre quella che rappresenta il soldato è stata scalpellata via. Una prima domanda potrebbe essere proprio questa: perché e quando si è cercato di cancellare quell’immagine? Comunque l’elemento più intrigante è certo la scacchiera, con tutte le sue implicazioni allegoriche. Quel quadrato, a sua volta suddiviso in 64 piccoli quadratini bicromi, riporta inevitabilmente al concetto di dualismo, di positivo e negativo, di bene e male, di maschile e femminile; e ancora, l’eterna lotta tra la luce ed il buio, il giorno e la notte e, in ultima analisi fra la vita e la morte

informatorecoop

Chianni, una finestra sulle colline toscane e la Sagra del Cinghiale

Non distante da Volterra si trova un piccolo borgo spazzato dal vento, Chianni, un paesino che conta una sola frazione Rivalto. L’aria che si respira a Chianni è talmente pulita che è euforizzante.
Sono stata a Chianni l’autunno scorso e tra poco , a Novembre ci tornerò  per la famosa Sagra del Cinghiale, appuntamento oramai tradizionale per me, consiglio una visita e una degustazione! Inoltre il luogo è bellissimo! Per l’occasione le viuzze del borgo profumano di squisitezze decisamente toscane, impossibile resistere!
Lascio i link inerenti e qualche foto:

Continua a leggere “Chianni, una finestra sulle colline toscane e la Sagra del Cinghiale”

Country Window in Monteriggioni

Quando mi scatta il tic dello scatto fotografo di tutto!!!!

Passeggiare per Monteriggioni è  già poetico per conto suo….
Come non fotografare questa dolce finestrella???

Respirando l’aria di Leonardo da Vinci, a casa sua

Va da sé che questo borgo è posto in ameno e ridente contesto, è certamente un luogo che offre paesaggi collinari a perdita d’occhio, adornati da secolari olivi e eleganti cipressi…ma è anche il natio paesello del “genio dei geni” tal Leonardo da Vinci che proprio in Montalbano vide i natali nel 1452, precisamente il 15 Aprile 1452 e precisamente nella casa ritratta maldestramente nel mio fototentativo che trovasi in frazione Anchiano, dove si arriva percorrendo una deliziosa stradina tra gli olivi (foto sopra):

Continua a leggere “Respirando l’aria di Leonardo da Vinci, a casa sua”

Dove c’è molta energia…In riva al mare

Anche questa foto è uno dei cimeli che ho sul computer, addirittura questa foto è stata scatta con un vecchio Nokia, quindi risale ad almeno 3 anni fa, ero a Marina di Cecina nel mese di Luglio, anche se non sembra, faceva brutto tempo … ma il mare è bello sempre, non c’è un brutto tempo per il mare, costantemente stupendo.
Questa cosa mi ha fatto ricordare una frase presente su Aforisticamente.com:

Continua a leggere “Dove c’è molta energia…In riva al mare”

Montalcino, Restauri in atto e un giro per il borgo

Ero stata a Montalcino proprio un anno fa, potete leggere in merito qua:

…DI MONTALCINO, DELLA SUA STORIA, DEL SUO VINO E DELLA SUA ARIA

… ma mi mancava! Sono tornata anche questo Agosto per una visitina, e non solo per Montalcino anche per i paesaggi che offrono “quadri” meravigliosi…
Ho trovato la Chiesa di Sant’Agostino in ristrutturazione ed è possibile visitare i lavori semplicemente entrando in chiesa senza pagare alcun biglietto.

Continua a leggere “Montalcino, Restauri in atto e un giro per il borgo”