Miss Morgan…una tipa affascinante

Fantastica!

P_20170312_142859-copia

Un pò di storia:

La Morgan Motor Company è una storica casa automobilistica britannica fondata da Henry Frederick Stanley Morgan nel 1909. Si tratta di un atelier che realizza artigianalmente un piccolo numero di vetture sportive dalla linea rétro, quest’ultima ispirata al design dei modelli prodotti nel 1936.

fonte Wikipedia

Castelfalfi, borgo deliziosamente fantasma

Sicuramente questo borgo si popolerà durante la bella stagione avendo al suo attivo una gestione lanciatissima riguardante alloggi, piscine, campi da golf e via dicendo, quindi a me piace visitarlo adesso, quando praticamente non c’è nessuno, ma nessuno veramente.

Domenica scorsa era una bellissima giornata di sole che anticipava la primavera (non come oggi che fa freddo ed il tempo è grigio) e una fermata a Castelfalfi (che dista circa 20 minuti da casa mia) è stata..rigenerante.

Una volta parcheggiata la macchina fuori dal borgo ci siamo inoltrati percorrendo la stradina che porta al centro e non abbiamo incontrato assolutamente nessuno, la strada era deserta, come ben si vede dalle foto

Continua a leggere “Castelfalfi, borgo deliziosamente fantasma”

Vorrei capire il motivo che spinge certa umanità ad affliggere altra umanità…

Vorrei capire il motivo che spinge certa umanità ad affliggere altra umanità con la moda di questi lucchetti assurdi….

Forse sfugge il concetto basilare che l’amore è libertà e quindi usare un lucchetto per evidenziare questo sentimento è di per se un controsenso, senza contare che questo lucchetto non salvaguarderà il rapporto da eventuali problematiche di vario tipo e natura.

L’unico effetto visibile è che passeggiando in Ponte Vecchio e Firenze e ammirando tale antico luogo la vista e il gusto restano offesi da questi lucchetti e da tutte le scritte che fanno da cornice…

Che ci posso fare???? Sono antica???? Sì, sono antica e non li sopporto!

Istante natalizio in Firenze

Adoro andare a spasso per Firenze ed adoro farlo da sola…in piena libertà, sostando  o affrettandomi quando voglio….Firenze è sempre uno spettacolo e una nuova scoperta…

Un paio di scatti “classici”:

Continua a leggere “Istante natalizio in Firenze”

Cromoterapia sì Cromoteratia no

I colori sono importantissimi nella nostra vita, influenzano il nostro umore e non solo, infatti sempre più spesso sentiamo parlare di Cromoterapia anche se non è certo una novità in quanto c’è traccia di questo anche nell’antico Egitto.
La scienza non dà il proprio benestare a questa terapia…ma…ognuno è libero di pensarla come vuole ed io penso proprio che i colori possono aiutare, magari usare il termine “terapia” è eccessivo ma…influenzano il nostro stato d’animo, il nostro umore e dato che il nostro umore influenza le nostre difese immunitarie posso affermare che, in ultima analisi i colori aiutano il benessere generale….
Detto questo passo il link per un test dei colori che io ho già fatto…così…per amenità!
Per fare il test cliccate su “Esegui il test”⇒CLICK

Per dovere di cronaca ecco il mio risultato:

Continua a leggere “Cromoterapia sì Cromoteratia no”

Un istante di Lui & Lui

Mi sono ritrovata davanti questa foto e mi sono emozionata…sono marito e Franky (per gli amici Frankone) che si stanno scambiando effusioni amorevoli…ma è una foto datata…Frankone non c’è più…..lacrimuccia….

A me piace tantissimo questa foto….

Passeggiando per Varramista

p_20161029_145943o

p_20161029_143950

Approfittando del bellissimo pomeriggio mi sono concessa una passeggiata a Varramista, nel verde e nel silenzio: rigenerante!

p_20161029_145943

La tenuta di Varramista è bellissima, molto ben tenuta ed è possibile visitarla nei giorni ed orari indicati nella foto:

p_20161029_143925

p_20161029_142343

La progettazione della villa si deve a Bartolomeo Ammannati (1511-1592) celebre scultore e architetto fiorentino della corte medicea che collaborò alla trasformazione di Palazzo Pitti e alla realizzazione della Fontana del Nettuno della Signoria a Firenze. L’edificio principale fu completato nel 1589, come recano le cifre incise sugli embrici del tetto.
Gino Capponi (1792-1876), unico figlio del marchese Pier Roberto e della marchesa Maddalena Frescobaldi, fu storico, senatore, legislatore e spirito intellettuale del mondo letterario, culturale e politico del suo tempo, scelse nel 1825 Varramista come residenza preferita e vi ospitò personaggi illustri come Alessandro Manzoni.

Nel 1876 Varramista fu ereditata dalla figlia Marianna, vedova del marchese Francesco Maria Gentile Farinola. Alla sua morte nel 1885, Varramista divenne proprietà della famiglia Gentile Farinola, nobile casata di origine genovese.
Anni 50’. Sono gli anni delle famiglie Piaggio e Agnelli, che fanno di Varramista residenza di campagna, luogo privilegiato di relax e svago, con il suo maneggio privato. La tenuta nel suo pieno splendore accoglie personaggi di spicco delle cronache contemporanee come il conte Emilio Pucci di Barsento, Marcello Mastroianni, il conte Clemente Zileri dal Verme, la contessa Franca Spalletti Trivelli e diventa cornice, nel ’59, delle nozze tra Antonella Bechi Piaggio e Umberto Agnelli.

Anni 90’. Giovanni Alberto Agnelli sceglie Varramista come propria residenza e ne cura ogni dettaglio, cominciando dalla riconversione dei vigneti che eleggono la Syrah a vitigno d’eccellenza della tenuta: nascono così i suoi vini pregiati. Varramista ospita nel ‘96 il matrimonio tra Avery Howe e “Giovannino” Agnelli.

Dopo la sua scomparsa, la tenuta diventa luogo prediletto della madre, Antonella Bechi Piaggio duchessa Visconti di Modrone, che apre le porte della maestosa tenuta al mondo, promuovendone la qualità e lo stile.

tratto da Fattoria Varramista in Toscana

p_20161029_143936

In Varramista è possibile godere di un soggiorno e di degustazioni, sul sito trovate tute le indicazioni: ⇒Tenuta di Varramista

p_20161029_144039

…spettacolo!…

Che cosa rende Firenze una città unica, che attira ogni anno centinaia di migliaia di turisti da tutto il mondo? I monumenti? I musei, che custodiscono innumerevoli capolavori? Le chiese, i palazzi? La meravigliosa cornice di colline? I panorami? L’“Arno d’argento”? Tutto questo e molto altro ancora.

(Marilena Tamassia, direttrice del Gabinetto Fotografico Polo Museale Fiorentino)